KIT BASE               KIT PREMIUM
Glossario
Accoppiatore
Dispositivo che si comporta come Router, Bridge o ripetitore di segnale.

Ampère (A)
Unità di misura della corrente elettrica: equivale a un flusso di carica in un conduttore pari ad un Coulomb per secondo.

Ampèrora (Ah)
Quantità di elettricità equivalente all'energia corrispondente al flusso di una corrente di un ampère per un'ora.

Applicazione
Insieme di funzionalità specifiche disponibili all'utente. Sono applicazioni il riscaldamento, l'illuminazione, l'antintrusione, gli allarmi tecnici, l'antincendio, ecc.

Attuatore
Dispositivo in grado di elaborare un segnale ricevuto da un altro dispositivo al fine di eseguire un'azione predeterminata.

Batterie di accumulatori
Dispositivi capaci di convertire energia elettrica in energia chimica e viceversa. Nella fase di carica vengono utilizzati per immagazzinare l'energia elettrica, che poi sarà restituita, secondo necessità, in fase di scarica. In genere, si utilizzano più accumulatori collegati insieme (batterie di accumulatori).

Baud
Unità di velocità di modulazione corrispondente a un intervallo unitario al secondo. Per esempio, se la durata dell'intervallo unitario è di 10 ms la modulazione è pari a 100 baud. Usata anche per misurare il flusso dati in bps (bit per secondo o i multipli kbps, Mbps, Gbps).

Bit
Acronimo di "binary digit". Segnale binario ovvero impulso che assume il valore 1 se presente e il valore 0 se assente in un certo intervallo di tempo.

Bridge
Router non dotato di algoritmo di filtro dei messaggi.

Byte
Unità costituita da un certo numero di bit. Il numero di bit varia in funzione della applicazione; generalmente viene considerato formato da 8 bit.

Cablaggio HBES TP
Collegamenti elettrici di un sistema HBES su doppino (Twisted Pair: TP).

Campionamento
Prelievo di campioni da un segnale mediante i quali è possibile in seguito ricostruire il segnale originale.

Canale
Via utilizzata per il trasporto dell'informazione. I canali possono coincidere con le linee fisiche (cavi) oppure più canali possono essere convogliati su una stessa linea mediante trasmissioni a pacchetti intercalati periodicamente, o segnali modulati su frequenze diverse.

Capacità di un canale (velocità o flusso dati di un canale)
Numero di bit al secondo che un circuito è in grado di gestire in funzione sia della larghezza della banda utile che del livello medio del rumore.

Campo fotovoltaico
Insieme di moduli fotovoltaici connessi elettricamente tra loro e installati meccanicamente nella loro sede di funzionamento.

Capacità della batteria
Quantità di elettricità accumulata da una batteria di accumulatori e quindi erogabile dalla stessa ad un determinato regime fino a una tensione prestabilita. Si misura in Ampèrora (Ah).

Capacità nominale
Capacità dichiarata dal costruttore per una certa batteria. La capacità nominale è riferita ad un regime di scarica di 10 ore e alla temperatura di 25C: viene indicata con il simbolo C10. Si misura in Ampèrora (Ah).

Carico elettrico
Quantità di potenza elettrica istantanea consumata da un qualunque utilizzatore elettrico (W).

Cavo o doppino intrecciato (coppia ritorta)
Cavo elettrico composto da almeno una coppia di conduttori attorcigliati fra loro con passo costante per limitare l'emissione elettromagnetica e aumentare l'immunità ai disturbi.

Cavo coassiale
Cavo conduttore isolato contenuto all'interno di uno schermo metallico.

Cella fotovoltaica
Elemento base della generazione fotovoltaica, costituita da materiale semiconduttore opportunamente trattato, che converte la radiazione solare in elettricità.

ChiloWatt (kW)
Multiplo dell'unità di misura della potenza, pari a 1.000 Watt.

ChiloWattora (kWh)
Unità di misura dell'energia. Un chilowattora è l'energia consumata in un'ora da un apparecchio utilizzatore da 1 kW.

Ciclo di vita o durata di una batteria
Valore convenzionale che indica il numero di cicli di carica e scarica che la batteria può effettuare prima di cessare il funzionamento. Esso è di solito accompagnato da limitazioni sulle modalità dei cicli di carica e scarica.

Circuito
Mezzo di trasmissione a due vie comprendente sia il canale di andata che di ritorno.

Collisione di messaggi
Termine utilizzato per indicare la possibilità che due o più dispositivi BUS inizino la trasmissione dei messaggi contemporaneamente, creando le condizioni per la distruzione o il deterioramento dei messaggi stessi.

Commutazione di circuito
Commutazione dei dati o delle informazioni sia digitali che analogiche in cui, come avviene nelle convenzionali reti telefoniche, il circuito stabilito fra utente chiamante e chiamato viene mantenuto e usato in esclusiva per l'intera durata del collegamento.

Concentratore
Unità in grado di ricevere un elevato numero di linee a bassa velocità e ritrasmettere i dati ricevuti su di un numero inferiore di linee a velocità minore.

Configurazione
Attività volta a stabilire la funzione di un dispositivo BUS e la sua interconnessione con altri facenti parte del sistema.

Conversione fotovoltaica
Fenomeno per il quale la luce incidente su un dispositivo elettronico a stato solido (cella fotovoltaica) genera energia elettrica.

Corrente
Flusso di cariche elettriche in un conduttore tra due punti aventi una differenza di potenziale (tensione). Si misura in A (Ampère).

CSMAICA (Carrier Sense Multiple Access with Collision Avoidance)
Metodo di accesso al mezzo di comunicazione che consente di evitare le collisioni di messaggi. È adottato nei sistemi che utilizzano i supporti TP0 e TP1.

Dati
Termine di carattere generale riferito a segnali analogici o digitali tradotti e utilizzati per trasferire informazioni mediante le reti.

Dispositivo BUS (apparecchio BUS)
Apparecchio avente almeno una connessione con il supporto di comunicazione, in grado di decodificare il protocollo di comunicazione in modo sintatticamente e semanticamente corretto al fine di svolgere una funzione prestabilita. Il dispositivo BUS può avere connessioni con altre reti, ad esempio la rete di distribuzione dell'energia o la rete telefonica.

Dispositivo fotovoltaico
Cella, modulo, pannello, stringa o campo fotovoltaico.

Dispositivo HBES (apparecchio HBES)
Dispositivo o apparecchio BUS conforme alla serie di Norme CEI EN 50090.

Doppino
Cavo elettrico a due fili per trasmissione dati.

EDP (Electronic Data Processing)
Identifica l'elaborazione dei dati mediante l'utilizzo di mezzi elettronici.

Efficienza (in %)
Rapporto tra la potenza (o l'energia) in uscita e la potenza (o l'energia) in ingresso.

Efficienza di conversione di un dispositivo fotovoltaico (in %)
Rapporto tra l'energia elettrica prodotta e l'energia solare raccolta dal dispositivo fotovoltaico.

Energia
In generale, si misura in Joule (J); quella elettrica si misura in Wh (Wattora) ed equivale all'energia resa disponibile da un dispositivo che eroga un Watt di potenza per un'ora:
- 1 Wh = 3.600 J
- 1 cal = 4,186 J
- 1 Wh = 860 cal

Fotovoltaico
Termine composto da foto - dal greco "luce" - e voltaico, da Alessandro Volta, lo scienziato italiano che fu tra i primi a studiare i fenomeni elettrici.

Generatore fotovoltaico
Generatore elettrico costituito da uno o più moduli - pannelli o stringhe - fotovoltaici.

Grid
Rete elettrica di distribuzione.

HBES o Sistema HBES o impianto HBES
Home and Building Electronic System (sistema elettronico per la casa e l'edificio), sistema BUS conforme alla serie di Norme CEI EN 50090.

Impianto elettrico a sistema elettrico tradizionale
Impianto elettrico non comprendente dispositivi BUS.

Indirizzo di gruppo
Sigla numerica associata a più di un dispositivo BUS allo scopo di stabilire una relazione funzionale tra dispositivi aventi lo stesso indirizzo di gruppo.

Indirizzo individuale, detto anche indirizzo fisico
Sigla numerica che individua un dispositivo in modo univoco nell'intero sistema BUS.

Inseguitore del punto di massima potenza (MPPT)
Apparecchiatura elettronica di interfaccia tra l'utilizzatore e il generatore fotovoltaico, tale che il generatore fotovoltaico "veda" sempre ai suoi capi un carico ottimale per cedere la massima potenza. Al variare delle condizioni esterne (temperatura, irraggiamento) l'inseguitore varia il suo punto di lavoro, in modo da estrarre dal generatore sempre la massima potenza disponibile e cederla al carico.

Interfaccia
Mezzi di adattamento o trasformazione di segnali per renderli compatibili a due apparecchiature differenti.

Inverter (convertitore CC/CA)
Dispositivo che converte la corrente continua in corrente alternata.

Irraggiamento
Radiazione solare istantanea (quindi una potenza) incidente sull'unità di superficie. Si misura in kW/m2. L'irraggiamento rilevabile all'Equatore, a mezzogiorno e in condizioni atmosferiche ottimali, è pari a circa 1.000 W/m2.

Linea BUS
Sinonimo di mezzo di comunicazione idoneo a trasferire segnali codificati di tipo BUS.

Link
Collegamento logico esistente tra due utenti in una rete oppure circuito fisico fra due punti.

Lunghezza del messaggio
Numero di bytes (ottetti) che compongono il messaggio.

Messaggio
Insieme di dati e controlli caratterizzato da una lunghezza determinata.

Modulo fotovoltaico
Insieme di celle fotovoltaiche collegate tra loro in serie o parallelo, così da ottenere valori di tensione e corrente adatti ai comuni impieghi, come la carica di una batteria. Nel modulo, le celle sono protette dagli agenti atmosferici da un vetro sul lato frontale e da materiali isolanti e plastici sul lato posteriore.

Multiplazione o multiplexing
Trasmissione contemporanea di informazioni inerenti a flussi dati diversi su un medesimo canale trasmissivo.

Multipunto
Tipo di funzionamento di una rete in cui i messaggi inviati dalla unità principale (master) sono ricevuti da più le unità secondarie.

Nodo
In una rete un nodo è il punto di giunzione tra più link dove il pacchetto dati viene instradato verso il terminale di destinazione.

Onde convogliate (PLC, Power Line Communication)
Tecnica di trasmissione di segnali su linee elettriche. Si realizza sovrapponendo al trasporto di corrente elettrica, continua o alternata a bassa frequenza (50Hz in Italia), un segnale a frequenza più elevata che è modulata dall'informazione da trasmettere. La separazione dei due tipi di correnti si effettua grazie al filtraggio e separazione degli intervalli di frequenze utilizzate.

Pannello fotovoltaico
Insieme di più moduli, collegati in serie o in parallelo, in una struttura rigida.

Potenza
Energia prodotta nell'unità di tempo. Si misura in W = J/s (W = Watt; J = Joule; s = secondo). Dal punto di vista elettrico il W è la potenza sviluppata in un circuito da una corrente di 1 A (Ampère) che attraversa una differenza di potenziale di 1 V (Volt). La potenza elettrica è quindi data dal prodotto della corrente (I) per la tensione (V). Multipli del W:
- chilowatt: kW = 103 W
- megawatt: MW = 106 W
- gigawatt: GW = 109 W
- terawatt: TW = 1012 W

Potenza di picco (Wp)
Potenza massima prodotta da un dispositivo fotovoltaico in condizioni standard di funzionamento (irraggiamento 1000 W/m2 e temperatura 25C).

Protocollo di comunicazione
Modalità intesa a ordinare i dati e i controlli in un messaggio.

Raddrizzatore (convertitore CA/CC)
Dispositivo che converte la corrente alternata in continua.

Radiazione solare
Energia elettromagnetica emessa dal sole in seguito ai processi di fusione nucleare che in esso avvengono. La radiazione solare (o energia) al suolo viene misurata in kWh/m2.

Regolatore di carica
Dispositivo che controlla la velocità di ricarica e lo stato di carica delle batterie.

Ripetitore di segnale
Dispositivo BUS che connette due tratte del mezzo di comunicazione con lo scopo di rigenerare il segnale proveniente da una tratta per inviarlo a una successiva, debitamente rinforzato.

Router (instradatore di segnale)
Dispositivo BUS che connette tra loro due o più sottoreti con lo scopo di individuare i messaggi relativi a ogni sottorete (ad es. per aumentare la velocità di comunicazione all'interno della stessa) oppure consentire il trasferimento di messaggi da una sottorete all'altra secondo un criterio predefinito (algoritmo di filtraggio dei messaggi).

Semiconduttori
Materiali con caratteristiche elettriche intermedie tra quelle dei conduttori e degli isolanti. Tra di essi vi è il silicio.

Sensore
Dispositivo capace di rilevare il valore (e/o la sua variazione) di una grandezza fisica al fine di renderlo disponibile in forma analogica o digitale a un altro dispositivo locale (ad esempio visualizzatore) o trasmetterlo a uno remoto (ad esempio attuatore) per successive elaborazioni.

Silicio
Materiale semiconduttore usato per costruire celle fotovoltaiche.

Silicio amorfo
Tipo di silicio per celle fotovoltaiche che non ha struttura cristallina.

Silicio cristallino
Tipo di silicio a struttura cristallina (monocristallino o policristallino).

Silicio monocristallino
Silicio costituito da un singolo cristallo.

Silicio policristallino
Silicio costituito da più cristalli.

Silicio solare
Silicio, prodotto appositamente per l'industria fotovoltaica o di scarto dell'industria elettronica, avente caratteristiche di purezza sufficienti per la preparazione delle celle solari.

Sistema BUS
Insieme dei dispositivi e delle loro interconnessioni che realizza applicazioni utilizzando un supporto di comunicazione comune a tutti i dispositivi e attuando la comunicazione dei dati tra gli stessi secondo un protocollo di comunicazione prestabilito.

Sistema fotovoltaico
Sistema costituito da moduli fotovoltaici e altri componenti progettato per fornire potenza elettrica a partire dalla radiazione solare.

Sistema fotovoltaico connesso in rete (grid connected)
Sistema fotovoltaico collegato alla rete di distribuzione dell'energia elettrica.

Sistema fotovoltaico isolato (stand-alone)
Sistema fotovoltaico non collegato alla rete elettrica di distribuzione.

Sottocampo
Collegamento elettrico in parallelo di più stringhe. L'insieme dei sottocampi costituisce il campo fotovoltaico.

Stringa
Insieme di moduli o pannelli collegati elettricamente in serie per ottenere la tensione di lavoro del campo fotovoltaico.

Supporto o mezzo di comunicazione
Mezzo fisico utilizzato per il trasporto di segnali elettrici o elettromagnetici a cui sono associati i messaggi tra i dispositivi del sistema. Può essere realizzato con conduttori metallici (coppia ritorta, cavo coassiale, conduttori della rete elettrica), con fibre ottiche oppure può essere l'etere stesso (trasmissione a mezzo di onde radio o raggi infrarossi).

Tensione
Differenza di potenziale elettrico tra due corpi o tra due punti di un conduttore o di un circuito. Si misura in V (Volt).

Tensione alternata
Tensione tra due punti di un circuito che varia nel tempo con andamento di tipo sinusoidale. È la forma di tensione tipica dei sistemi di distribuzione elettrica, come pure delle utenze domestiche e industriali.

Tensione continua
Tensione tra due punti di un circuito che non varia di segno e di valore al variare del tempo. È la forma di tensione tipica di alcuni sistemi isolati (ferrovie, navi) e degli apparecchi alimentati da batterie.

Terminali BUS (stazioni BUS, nodi BUS, punti BUS)
Sinonimi di dispositivi o apparecchi BUS installati in determinati punti, non necessariamente alla fine della linea BUS.

Tonnellata equivalente di petrolio (Tep)
Unità di misura dell'energia adottata per misurare grandi quantità di questa, ad esempio nei bilanci energetici e nelle valutazioni statistiche. Equivale all'energia sviluppata dalla combustione di una tonnellata di petrolio. Essendo il potere calorifico del petrolio grezzo pari a 41.860 kJ/kg, un tep equivale a 41.860 103 kJ.

Topologia
Struttura di connessione dei nodi e in generale dei dispositivi di una rete.

TP0 (acronimo di Twisted Pair 0)
Supporto a coppia ritorta di tipo 0. Identifica anche un sistema HBES denominato HBES TPO 0.

TP1 (acronimo di Twisted Pair 1)
Supporto a coppia ritorta di tipo 1. Identifica anche un sistema HBES denominato HBES TP1.

Trasmissione
Trasferimento di un segnale da un punto a un altro mediante l'utilizzo di appositi dispositivi.

Volt (V)
Unità di misura della tensione esistente tra due punti in un campo elettrico. Ai capi di una cella fotovoltaica si stabilisce una tensione di circa 0,5 Volt; circa 17 Volt ai capi di un tipico modulo fotovoltaico (nel punto di massima potenza).

Wafer
Porzione di silicio di spessore variabile da 250-350 mm (millesimi di millimetro) ottenuta dal taglio dei lingotti di silicio prodotti con la fusione del silicio di scarto dell'industria elettronica. Dopo diversi trattamenti il wafer diventa cella fotovoltaica.

Watt (W)
Unità di misura della potenza elettrica. È la potenza sviluppata in un circuito da una corrente di un Ampère che attraversa una differenza di potenziale di un Volt. Equivale a 1/746 di Cavallo Vapore (CV).

Watt di picco (Wp)
Unità di misura usata per indicare la potenza che un dispositivo fotovoltaico può produrre in condizioni standard di funzionamento (irraggiamento 1.000 W/m2 e temperatura 25C).

Wattora (Wh)
Unità di misura di energia: equivale ad un Watt per un'ora.